foto

foto

mercoledì 28 marzo 2012

Bello, onesto, diamante mandarino sposerebbe....

C'è stato un pò di movimento nella voliera dei diamanti mandarini! Fefè non ha avuto molto successo e così tutte e due le femminucce si sono innamorate del bel Totò! Lui però ha scelto Nanà e Mimì è diventata molto aggressiva. Quando i due "piccioncini" hanno iniziato a preparare il loro nido Mimì non dava tregua a Nanà così li abbiamo separati: Totò e Nanà sopra, Fefè e Mimì sotto.
Il povero Fefè (che io trovo bellissimo e se fossi stata una delle due diamantine mi sarei subito innamorata di lui!!!), chiuso in gabbia con una ragazza che "non se lo fila" e che pensa ad un altro mi ha ricordato l'Amedeo (Alberto Sordi) nel bellissimo film "Bello, onesto, emigrato australio sposerebbe compaesana illibata" e quando poi, il giorno dopo ho visto che anche lui e Mimì avevano iniziato a preparare il nido ho ripensato alla scena finale del film in cui Amedeo e una rassegnata Carmela ( Claudia Cardinale) arrivano a Bun Bun Ga, paesino di poche anime, sperduto nella desolata campagna australiana in cui Amedeo vive. Ma Fefè è così carino....
Ecco i mandarini che imbottiscono il nido con la juta:






martedì 27 marzo 2012

Decorazioni per Pasqua

Scommetto che in ogni casa la scatola delle decorazioni pasquali è grande neanche un decimo di quella delle decorazioni natalizie...eppure decorare la casa per Pasqua è altrettanto bello. Io amo la Pasqua ogni anno di più, mi sto accorgendo che il Natale in fondo in fondo mi mette un pò di malinconia...la Pasqua invece è una festa più ottimistica. Forse sarà anche l'età: il Natale è per i bambini, la Pasqua è per gli adulti... Questa festa potrebbe avere origini davvero antichissime, legate al culto della primavera, del rifiorire della vita. Successivamente, per i cristiani è divenuto il momento dell'anno per celebrare la resurezzione di Cristo, ancora un rifiorire della vita, la sconfitta della morte. Ecco perchè forse piace di più a noi grandi...ci da una speranza di cui i piccoli non sentono il bisogno. Alla Pasqua sono poi legate un'infinità di riti, tradizioni, usi e costumi, cibi, e altro ancora estremamente affascinanti sia per chi è credente e sia per chi non lo è.
In Sardegna poi la Pasqua è veramente importante basti pensare che nella notra lingua Pasqua si dice Pasca Manna (Pasqua grande) e Natale invece Pasca o Paschixedda (Pasqua piccola).
Comunque oggi vi propongo un idea per la vostra tavola di Pasqua:






sono gusci d'uovo dentro i quali seminare, fra due stratini di terriccio, grano, farro, segale...insomma, quello che avete a portata di mano. Ricordate di annaffiare una volta al giorno e vedrete che sorpresa per i vostri ospiti...grandi e piccini.
Potreste prepararne uno per ogni invitato a pranzo e usarli come segna posto. Se volete che i germogli siano di un bel verde fate germinare al sole, se volete che siano chiari  teneteli al buio, come Su Nenniri che ormai è diventato così:


E questo invece è il mio caminetto il giorno di Pasqua di due anni fà (l'anno scorso siamo andati in Baviera quindi niente pranzo in famiglia!).


sabato 24 marzo 2012

Un romantico pollaio...

Ma la novità più importante nel giardino di primavera è questa:


il romanticissimo pollaio che ha fatto mio suocero (ha fatto per fino la finestrella all'inglese!!!)
per queste splendide cinque ragazze:





Pudde: "Uffa...basta con queste foto! Adesso ci chiudiamo in casa!"



Vale: "Si, ma se non mettete una tenda posso spiarvi da qui!"


Vi avviso...vi farò venire la nausea con le foto delle galline! Galline...che brutto nome, è sminuente...io le chiamo in un altro modo...ma mi è stato consigliato di non scriverlo sul blog, allora per noi saranno LE PUDDE (dal sardo puddasa!!!).

Primavera in giardino

Sono un pò lontana dal web in questi giorni, e ne sono felice. E' primavera e i momenti liberi dal lavoro e dai soliti lavori di casa preferisco trascorrerli in adorazione della natura che in questi giorni si manifesta in tutto il suo splendore e la sua magia. Capiterà a chiunque abbia un pezzetto di giardino, un balcone o semplicemente un vasetto con una piantina di incantarsi ad ammirare la primavera...Il nostro giardino poi è in continuo movimento, quest'anno abbiamo ingrandito l'orto, impiantato il semenzaio, spostato la ginestra, piantato un albicocco e un limone, lo abbiamo perfino popolato di diamantini e galline!!! Siamo in fermento! Bisogna trovare nuovi stimoli, reinventarsi, tenere la mente sgombra da preoccupazioni o brutti pensieri. Io ho preso una cotta per le rose, ne ho piantato 4 appena trasferita qui ma non avevo mai dedicato loro tanto tempo. Poi, lo scorso ottobre, a Guastalla, alla bellissima fiera dei frutti dimenticati ho acquistato la mia prima rosa inglese, la Graham Thomas di David Austin ed è sbocciato l'amore. Allora adesso penso in continuazione alle mie rose, le coccolo, le poto, le concimo, ci pianto vicino uno spicchio d'aglio per tenere lontano i pidocchi, le incoraggio, mi complimento con loro per i loro progressi giornalieri. Non ho tempo di pensare ad altro e non lo voglio fare. Godiamoci questo momento, la giusta temperatura per stare fuori, i profumi, i colori, i bulbi che fanno capolino dai vasi e qualcuno che già premia la nostra pazienza durante questo lungo inverno, con i suoi colori e i suoi profumi. Anche quest'anno si ripete la magia...la primavera foriera di speranza, di rinascita, di serenità, di vita nuova...
Venite con me...vi porto nel mio giardino













lunedì 19 marzo 2012

I diamanti mandarini



Sono deliziosi, vero? Sono Totò, Fefè, Mimì e Nanà (da sinistra verso destra).
Io non ho mai avuto la passione per gli uccellini in gabbia, mi fanno tristezza, so che loro sono nati in cattività ma non posso credere che non soffrano a stare rinchiusi. E' vero che se provassi a liberarli non sarebbero in grado di cavarsela ma penso anche che se a nessuno piacesse questo tipo di allevamento nessuno li venderebbe e i miei diamanti mandarini starebbero svolazzando felici sui cieli dell'Australia, il loro paese d'origine. Ma mio marito ha sempre avuto la passione per l'allevamento degli uccellini da voliera e così eccomi qui...a pendere dalle loro labbra! C'è anche da dire che ho un bisogno matto di un...diciamo cucciolo? Vedere loro che mi guardano e prendono delle pose buffe quando mi avvicino alla gabbietta e fischietto, mi piace tanto...
Oggi li abbiamo trasferiti fuori, nella voliera più grande, due si sono "fidanzati" e fanno la nanna dentro al nido...Fefè e Mimì ancora si studiano...chissà...

martedì 13 marzo 2012

Le ricette di mia mamma

E' da un pò di tempo che mia mamma mi parla della sua torta di carote e che smaniava per darmi la ricetta così, ieri pomeriggio la chiamo per avere la ricetta:
Io: "Mamma mi dai la ricetta della torta di carote?"
Mamma: " Si certo, tanto la sò a memoria! Prendi carta e penna. Allora 300 gr di carote, 2 bicchieri..si ma non pieni pieni, allora 2 bicchieri di zucchero anche se io ne metto solo 1 e mezzo. Ma no dai, ti dico prima cosa dice la ricetta e poi le mie modifiche. Allora, 300 gr di carote, 2 bicchieri scarsi di zucchero, 2 bicchieri scarsi di farina, 1 bicchiere di olio...ma ne basta mezzo, 1 bustina di lievito e 3 o 4 uova, dipende dalle dimensioni, se sono piccoli 4, se sono grandi 3...ah, poi io ci metto la buccia grattugiata di un limone, la ricetta non lo dice ma che torta è senza limone? Ecco, ti ho detto tutto? ah si, lo yogurt, a volte ci metto un pò di yogurt! Scusa ma non riesco a fare una ricetta senza modificarla!"

Più il tempo passa più mi rendo conto di somigliare a mia mamma più di quanto pensassi...ecco la mia torta:

300 gr di carote (bollite con un pizzico di sale e passate al passaverdura)
1 bicchiere di zucchero
2 bicchieri di farina
2/3 di olio di semi
2 spruzzate di acqua di fiori d'arancio (dico spruzzate perchè è dentro una boccetta, non avevo limoni freschi!)
3 uova...medie
1 bustina di lievito
zucchero di canna spolverata in superficie prima di mettere in forno a 180° per...non ho controllato...ma circa 50 minuti


Buona ma è finita così presto: una bella fetta ai suoceri, due fettine ieri dopo cena, due oggi dopo pranzo, una a Cristall che è venuto a bere il caffè e le ultime due pochi minuti fà!

Chissà cosa significa il fatto di non riuscire a seguire una ricetta alla lettera. Sarebbe la cosa più semplice!
Io generalmente, la prima volta che preparo un piatto cerco di rispettare dosi e ingredienti ma poi mi dico: "Però, forse con la noce moscata, chissà...con un pizzico di cannella, e se eliminassi il pomodoro?". Così finisco per fare sempre dei piatti o dei dolci che non vengono mai uguali...capita anche a voi?

sabato 10 marzo 2012

venerdì 9 marzo 2012

Dalla mia finestra...

... guardate cosa ho visto stamattina...


Chissà cosa facevano! Secondo me era il coro del pollaio che provava i canti natalizi...meglio iniziare per tempo!!!

 Sono le galline di un vicino di casa...siamo circondati da galline e allora perchè noi no??? chissà........

giovedì 8 marzo 2012

8 marzo - Giornata Internazionale della Donna

Oggi è la Giornata Internazionale della Donna ovvero il giorno che ricorda le conquiste in campo sociale, politico ed economico ottenute dai primi del '900 a oggi dalle nostre antenate.
Ci sono tante donne che sdoganano questo giorno. Io ho imparato fin da bambina a considerarlo importante.
Continuare a ricordare questa data non deve servire tanto a rivangare il passato, quanto a prendere atto che c'è ancora tanto da fare, ci sono ancora tante parti del mondo in cui ancora alle nostre sorelle vengono negati i diritti basilari: l'istruzione, il voto, l'assistenza sanitaria e la libertà. Se siamo obbiettive e ci fermiamo un attimo a pensare capiremmo che anche nel nostro democratico Paese noi donne siamo ancora troppo spesso vittime di violenze e discriminazioni in tutti gli aspetti della vita sociale. Il mondo è ancora fondamentalmente maschilista. Troppi sono ancora i pregiudizi nei confronti delle donne e quanta fatica, in molti casi, per poter dire la nostra in famiglia o a lavoro. Raramente veniamo proposte per incarichi prestigiosi e quante volte le nostre idee non vengono tenute in considerazione e ritenute insensate!  La nostra testa è così diversa da quella degli uomini...di una semplicità che forse li spaventa...e quante cose andrebbero diversamente se ci fossero più donne al potere. Non mi pare che il mondo giri nel verso giusto...e se ora toccasse a noi tenerne le redini?

Ecco una carrellata di donne speciali, vissute in epoche o contesti in cui era ancora più difficile di oggi farsi largo in un mondo maschilista lottando contro i pregiudizi, lavorando a un progetto di parità e giustizia tra mille difficoltà...alcune ci sono riuscite, altre non sono state credute, altre sono state prevaricate e discriminate ma comunque le loro gesta sono giunte fino a noi...migliorando un pò il mondo!


Tina Lagostena Bassi

Maria Montessori

Rigoberta Menchù

Grazia Deledda

Artemisia Gentileschi


Marie Sklodowska Curie

Giovanna D'Arco

Eleonora d' Arborea

Aung San Suu Kyi

Madre Teresa di Calcutta

Margherita Hack

Tina Merlin


Billie Holiday


Rivolgo un pensiero anche tutte le donne di cui nessuno parla ma che, in giro per il mondo, conducono la loro battaglia per raggiungere la libertà e l'uguaglianza di diritti per loro, le loro madri, le loro figlie...tutte noi loro sorelle.

Buona Festa della Donna a tutte e auguri a zia Maria, che in questo giorno è nata...dopo sette fratelli !!!
W le donne e W gli uomini che amano e rispettano le donne!!!

foto da Wikipedia